Guardando una fotografia devi rivivere un attimo, devi avvertire dentro di te un’emozione ancora più forte di quella che stavi vivendo nel momento in cui è stata scattata.
Perché in quel rettangolo davanti a te, ancor più se in bianco e nero, vedi il tempo fermo, bloccato, composto ed hai la possibilità di annusare la gioia che racchiude quell’attimo.
Non le solite foto di rito, noi volevamo che l’album del nostro matrimonio fosse una raccolta di istanti che forse, lì per lì, ci siamo persi, di sensazioni che nemmeno dal vivo siamo riusciti a carpire, per l’inevitabile concitazione del momento.
Antonino Sellitti ha saputo essere l’indiscusso autore di questa magia creando esattamente ciò che volevamo, ma non perché qualcuno gli abbia detto come fare, perché il suo modo di leggere la spontaneità, di interpretare le emozioni, di raccontarle e di ripresentarle ai diretti interessati è semplicemente UNICO.
Crediamo che, mai come in questo mestiere, il lavoro finale sia anche un po’ la rappresentazione di sé stessi ed è per questo che ringraziamo il geniale professionista nascosto dietro l’obiettivo, ma anche l’uomo, oggi amico, per aver reso, grazie al suo stile inconfondibile, le emozioni di quel giorno ETERNE.
Insomma quando andate da lui, non perdete tempo a spiegargli cosa deve fare… lui andrà di gran lunga oltre ciò che immaginate.